L’innovazione della classe GLC Mercedes Benz

La Mercedes-Benz’s di recente ha adottato la strategia di ridenominazione allineando tutti i suoi crossover e SUV che più si avvicinano ai modelli di berlina del brand in termini di marketing, anche se alcuni sono più simili da un punto di vista meccanico rispetto ad altri. Le classi CLA e GLA ad esempio, sono molto simili tra di loro mentre le GLE e le E presentano modelli piuttosto differenti. Le relazioni tra questi veicoli, con tutte le auto nuove della classe GLC e con la nuova classe C è molto più simile alle prime che alle ultime così che si può pensare ad esse come una classe C.

Come per la sostituzione della vecchia classe GLK, che a sua volta era stata realizzata a partire da una costola dei primi modelli della classe C, la nuova GLC non potrebbe essere più importante per la Mercedes-Benz, con un mercato dei modelli di crossover compatti più sviluppato del solito. In anteprima nel modello coupe per questo inizio primavera, il convenzionale SUV GLC adotta l’attraente stile di purezza sensuale con elementi che sono stati utilizzati e diffusi sulle diverse linee Mercedes.

Quando le vendite sono iniziate, il novembre scorso, la classe GLC era caratterizzata dal solo modello di SUV GLC300 a trazione posteriore e dal modello 4MATIC a trazione integrale. Ulteriori modelli sono previsto per il prossimo anno.

Più grande, più bella, più leggera

In confronto con la GLK, la GLC è 11 centimetri più lunga, 5 centimetri più ampia e quasi un centimetro più alta. La parte anteriore sporge in modo accentuato e tutti i modelli americani, specialmente questi GLC sono dotati di un paraurti da fuoristrada che offre un angolo di deviazione di 28 gradi.
Nel settore anteriore, le caratteristiche della GLC sono soprattutto date da una fiancata a due stecche, una prominente stella a tre punte e, come per la classe C, per i fari si possono utilizzare lampade al led.

Mercedes-Benz GLC 220d

Mercedes-Benz GLC 220d

Ancora, la forma della carrozzeria, la linea del tetto e la vista posteriore a tre quarti sono chiaramente evocative delle altre Benzes nonostante si possano riconoscere richiamo della Jeep Grand Cherokee, della Acura RDX e anche della Porsche Macan, a seconda delle persone a cui si chiede. Un’aletta posteriore estesa, ed altri elementi aerodinamici permettono di diminuire il coefficiente di resistenza. Tutti questi elementi insieme, indipendentemente da quali vengano considerati, rendono la GLC in grado di fare apparire le vecchie GLK come un vecchio macinino.

Nonostante le dimensioni maggiori, l’uso di alluminio, di acciaio forte ultra leggero e di materiali plastici rendono la struttura della carrozzeria più leggera di almeno 50 chili. Una diminuzione di peso che diventa fondamentale per le sospensioni e per ogni sezione in cui può essere rilevante una diminuzione di peso.

Un aspetto interiore da classe C

L’aspetto del design interiore è praticamente identico a quello delle classi C e questo rappresenta una radicale separazione dalla forma delle GLK. Il particolare stile del design del cruscotto, con il suo screen da 7 pollici e il COMAND controller per il touchpad deriva direttamente dalla classe C, che non è assolutamente un male, visto quanto viene apprezzato questo tipo di aspetto interiore. E ancora particolari del design sono i colori marrone e nero e i materiali, pelle e finta pelle, con decori semplici o a fantasia.
Ancora, sono in dotazione di serie per la GLC una serie di strumenti, come luci interne multicolori, diffusore di fragranza, seggiolini posteriori riscaldati, tettuccio panoramico ed un sistema di assistenza al parcheggio, con una telecamera frontale e posteriore e molto altro.

mercedes-glc-interni

Dal punto di vista della sicurezza, questa auto offre ben nove airbag, incluso un airbag per le ginocchia di chi guida, mentre il seggiolino anteriore per i passeggeri è munito di una seggiolino che permette il riconoscimento automatico del seggiolone per bambini che permette la disattivazione dell’airbag quando tale seggiolone viene installato.

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *