Tesla Gigafactory

La Tesla sta costruendo un nuovissimo impianto costruttivo in Nevada e il nome scelto sarà Tesla Gigafactory, un nome che da solo dice molto..

La Tesla ha concepito questo impianto per sostenere la richiesta interna di batterie al litio per il prossimo futuro: con una produzione stimata di 500.000 automobili elettriche all’anno entro la fine di questo decennio, l’intera produzione mondiale di batterie agli ioni di litio sarà appena sufficiente ad equipaggiare le sue auto. Da qui l’idea di costruirsele da sè.

Giga

tesla-gigafactoryNell’era digitale giga è diventata una parola di uso comune, ma un tempo evocava qualcosa di immenso e per un certo verso, almeno fuori dal mondo digitale, è ancora così. Nel caso di Tesla, Giga prende le sembianze di una costruzione con un ingombro totale di qualcosa come 5.220.000 mq. Calcolando che la costruzione si svilupperà su due piani, la superficie utile sarà di ben 9.000.000 di mq. Roba da guinness dei primati. Se queste cifre vi hanno impressionato va detto subito che questo, probabilmente, sarà solo l’inizio: con l’acquisizione di altri 1.200 ettari per eventuali ampliamenti futuri, si stima che la superficie totale possa arrivare a 21.600.000 mq. Con questi numeri la Tesla Gigafactory avrà la superficie coperta più grande del mondo.

La produzione

Nata nel 2014, nelle vicinanze di Sparks, nel Nevada, l’azienda dovrebbe entrare in produzione nel 2017, per giungere a pieno regime tre anni dopo. Da allora la Tesla Gigafactory sarà in grado di mantenere un ritmo di produzione che garantirà una potenza di 50 GWh all’anno. Praticamente l’intera produzione della concorrenza mondiale messa assieme. La scelta della posizione non è casuale: il Nevada possiede ricchi giacimenti di litio ed attualmente concede anche incentivi molto interessanti alle aziende.

In questa impresa Tesla si avvale di partner come Panasonic ed altre compagnie strategiche al progetto che richiederà un investimento complessivo di 10 miliardi di dollari. Attualmente è stato costruito circa il 25% dell’intera struttura.

Il concetto

tesla-gigafactory-march-2015L’idea di fondo è produrre batterie a costi ridotti, rispetto agli attuali, con un impatto zero sull’ambiente. Molteplici sono i fattori che influenzeranno il risultato finale che secondo la Tesla, per quanto riguarda il costo delle batterie finite, sarà inferiore di circa un terzo rispetto ai prezzi odierni, per ogni kilowattora. Come sarà possibile? Innanzi tutto con la riduzione degli sprechi, poi avvantaggiandosi del fatto di aver riunito in un punto solo una buona fetta dell’intero processo produttivo. Infine, tecnologie moderne ed economia di scala faranno il resto.

Per la salvaguardia dell’ambiente, la fabbrica si avvarrà di fonti rinnovabili per produrre l’energia necessaria al suo funzionamento; l’ambizione del progetto è arrivare ad un’energia netta uguale a zero.

Una curiosità: la Tesla Gigafactory non produrrà esclusivamente batterie per auto, ma avrà una linea dedicata alle “Powerwall” e alle “Powerpack” le batterie dedicate, rispettivamente, all’accumulo di casa e a quello industriale.

Le “Powerwall” sono batterie “belle come una scultura”, nelle parole del patron Elon Musk, pesanti 100 kg, da appendere al muro di casa e utili ad immagazzinare l’energia elettrica prodotta durante il giorno dai pannelli fotovoltaici; per poterla sfruttare nella ricarica delle batterie con cui è equipaggiata l’auto elettrica, durante la notte. Il progetto, ben più ambizioso, è quello di portare l’umanità ad utilizzare un’energia elettrica prodotta esclusivamente da fonti rinnovabili ed immagazzinata su accumulatori, in tutti i campi: dal domestico all’industriale, indistintamente. Cambierà solo il tipo di accumulatore da utilizzare. E’ per questo che lo stesso Musk si dice pronto a rilasciare la tecnologia utilizzata nei suoi progetti in formato open source, perché possa essere utilizzata da tutti e da tutte quelle aziende che come la sua credono in questo tipo di futuro.

Perchè Giga

Tesla Gigafactory non è un nome campato per aria. Innanzitutto la fabbrica avrà un ordine di grandezza per misurare la sua produzione annuale di batterie espresso in GWh (Gigavattora): si comincerà con 35 GWh. Poi, il significato nascosto in quel termine: un miliardo (giga è, infatti, il suffisso che indica tale unità di misura). Non è solo una grandissima unità di misura, è anche l’indicatore della portata di un progetto grandioso, la storia ci dirà come sarà andata a finire.

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *